L’eco del sangue sul Canal Grande

Un racconto di intelligenza artificiale

Stanchi della nostra stupidità naturale, abbiamo finalmente usato l’intelligenza artificiale di ChatGPT per scrivere un racconto per i nostri lettori. Siccome ci è piaciuto per la sua ingenuità, ve lo proponiamo. La redazione ha ordinato: «Vogliamo che tu faccia lo scrittore di racconti. […] La nostra prima richiesta è «Ho bisogno di scrivere un racconto di vampiri ambientato a Venezia»». Anche l’immagine è prodotta dall’intelligenza artificiale del fratello/sorella Dall-E. Ecco il risultato.

Venice by night (immagine creata con Dall-E).

Capitolo 1: L’arrivo

La notte era caduta su Venezia come un mantello di mistero, avvolgendo le sue strade tortuose e i canali silenziosi. In questa città affascinante, in cui l’ombra del passato si intrecciava con la bellezza decadente, s’intravedevano creature misteriose e segreti che si celavano tra le sue antiche mura.

Nel cuore di questa notte, un veliero nero solcava le acque del Canal Grande. Il suo carico era composto da vampiri, creature della notte che avevano scelto Venezia come nuova dimora. Erano giunti da terre lontane, attratti dalla ricchezza artistica e culturale della città, ma anche dal sapore del sangue umano che pulsava nelle sue strade.

Uno di questi vampiri, chiamato Alessandro, era affascinante e enigmatico. Con i capelli scuri come la notte e gli occhi lucenti come due fiamme, incantava chiunque lo incontrasse. Aveva vagato per secoli, ma era sempre stato attratto da Venezia, la sua bellezza romantica e l’atmosfera surreale.

Capitolo 2: L’incontro

Alessandro si stabilì in una dimora decadente, un palazzo affacciato sul Canal Grande. Da lì, osservava i passanti ignari, seducendo i loro sensi con il suo sguardo magnetico. Ma una notte, mentre vagava per i vicoli bui della città, vide una donna che lo colpì profondamente.

Il suo nome era Giulia, una giovane donna dai capelli corvini e lo sguardo vivace. Era una pittrice talentuosa e i suoi quadri catturavano l’anima di Venezia. Alessandro sentì un’attrazione irrefrenabile verso di lei, qualcosa di diverso rispetto a tutte le altre sue prede.

Giulia, ignara dell’oscura natura di Alessandro, accettò di farsi ritrarre da lui. Durante le sedute, il loro legame si fece sempre più profondo. Lei era affascinata dal suo fascino enigmatico, mentre lui era affascinato dalla sua innocenza e bellezza.

Capitolo 3: Il segreto svelato

Mentre il loro amore fioriva, Alessandro cercava di resistere all’istinto di bere il sangue di Giulia, ma la sua sete vampirica si faceva sempre più insopportabile. Si nascondeva nelle ombre, lottando contro il suo desiderio oscuro, ma il sangue di Giulia era l’unico che poteva soddisfarlo appieno.

Una notte, mentre Alessandro lottava con la sua sete incontrollabile, Giulia lo sorprese mentre si abbandonava all’oscurità. Inorridita, si ritrasse, sentendosi tradita dal suo amante. Ma Alessandro cercò di spiegarle la sua natura vampirica, il suo eterno conflitto tra l’amore per lei e la fame di sangue.

Capitolo 4: La resa dei conti

Giulia, nonostante il suo dolore e la sua paura, si rendeva conto di quanto amasse Alessandro. Decideva di aiutarlo a trovare una soluzione, sperando che potessero vivere insieme, nonostante le loro differenze.

I due si imbarcarono in una ricerca per trovare un antico artefatto, la Pietra di Luna, che si diceva potesse placare la sete di sangue dei vampiri. Attraverso le calli intricate e i canali sotterranei di Venezia, si confrontarono con creature oscure e indagini misteriose.

Capitolo 5: Il sacrificio

Infine, Alessandro e Giulia trovarono la Pietra di Luna, nascosta in una cripta segreta sotto la Basilica di San Marco. Ma l’unico modo per attivare il suo potere era un sacrificio: il dono del sangue di Giulia. Era una decisione difficile, ma Giulia, guidata dall’amore, accettò di offrire se stessa per salvare Alessandro.

Con la pietra attivata, la sete di sangue di Alessandro svanì e divenne un vampiro in grado di controllare i suoi istinti oscuri. Il loro amore, però, aveva un prezzo. Alessandro doveva vivere con il peso dell’eternità mentre Giulia invecchiava e sarebbe svanita.

Epilogo: L’immortalità dell’amore

Anni dopo, Alessandro vagava ancora per le calli di Venezia, portando con sé il ricordo di Giulia. Attraverso i secoli, si impegnò a proteggere l’arte e la bellezza della città che aveva dato loro un amore immortale.

Ogni notte, si rifugiava nella sua dimora sul Canal Grande, dove teneva gelosamente i ritratti di Giulia. Aveva imparato a convivere con la sua solitudine, custodendo l’eco del loro amore nei ricordi intrappolati nelle tele.

E così, l’eco del loro amore si propagò lungo le vie di Venezia, un ricordo che sfiorava il cuore dei visitatori, che, inconsapevoli di quella storia d’amore senza tempo, sentivano un’aura di magia e passione nelle antiche mura della città dei vampiri e degli amanti.

 

L eco del sangue sul Canal Grande