Un'alea­to­ria lu­na­ti­ci­tà

Un'alea­to­ria
lu­na­ti­ci­tà

La lettura della mano di Silvia

a cura di Enzo Bordin
Qua La Mano - Lettura gratuita della mano via web! Silvia, dicembre 2013.

Cara Silvia,

le dita allargate della mano sinistra (soprattutto il marcato distacco del mignolo dall'anulare) evidenziano che sei un tipo socievole ed estroverso, dove la generosità ed il senso dell'amicizia rientrano nel tratto distintivo della tua personalità.

La linea della Vita assume invece altre due caratteristiche non trascurabili. La prima: poiché nasce assieme alla linea della Testa, percorrendo un tratto di strada in comune, se ne desume un condizionamento ambientale e sociale esercitato dalla famiglia nei tuoi confronti, con un successivo distacco doloroso e sofferto. Il secondo elemento di valutazione, sempre in riferimento alla linea vitale, riguarda la presenza della linea di Marte che le corre parallela, con ciò rafforzando le tue doti di combattività e tenacia per contrastare situazioni avverse. Diciamo che ne hai passate di tutti i colori, affrontando gli sfortunati eventi con dignità e coraggio.

La linea della Testa, con percorso ampio e ben marcato, depone per un'intelligenza pronta e vivace, pur se portata a lavorare più in qualità che in quantità. Lo si evince dal fatto che essa tende a disegnare un arco che poi sale verso il monte della Luna. Risultato: ti stanchi presto del lavoro che svolgi, specie se di routine. Provi così a cimentarti in altri campi, visto come novità da esplorare e capire fino a quando non ti stancherai anche di quelle.

Si tratta di una lunaticità di tipo aleatorio che non appare frutto né d'indolenza né tanto meno di superficialità: è il desiderio di cambiamento derivato da una tua irrequietezza interiore, dal tuo trabocchevole desiderio di esplorare sempre nuovi confini. Ciò risulta dalla linea dell'Inquietudine che tende istintivamente a rifuggire la ripetitività e la noia, lasciando ampi spazi (praterie) alle emozioni forti e totalizzanti. I tuoi stessi spostamenti non riguardano tanto i luoghi fisici: sono anzitutto viaggi della mente. Con questo bagaglio di sensibilità, con questo tuo taglio esistenziale particolare, sei destinata a soffrire, dovendo coesistere con un mondo dove l'apparenza sta purtroppo divenendo un valore virtuale e ingannevole.

La tua linea del Cuore ricorda le montagne russe: appare ballerina, con alti e bassi ripetuti. D'altronde sei fatalmente attratta da uomini affascinanti ma strani e fuori dagli schemi, validi ma poco gestibili risultando spesso egosintonici che pongono sé stessi al centro del mondo. Morale della favola: nel bilancio amoroso tra dare ed avere, sei quella che finora ha ricevuto di meno. È uno sbilanciamento doloroso che la tua mano segmentata segna in modo eloquente.

Il problema per te non è quello di capire le situazioni ma di gestirle, evitando una coazione a ripetere che, sul piano sentimentale, ti spinge a privilegiare le simpatiche canaglie che ti fanno perdere la trebisonda pur sapendo che, prima o poi, se ne andranno incistando nel tuo cuore stimmate indelebili.

Ciò accade perché finora le tue pulsioni li tendono a prevalere sulla ragionevolezza, relegata al ruolo di coscienza tardiva, a cose fatte, quando non c'è più spazio per porvi rimedio.

Eppure possiedi nella mano svariate potenzialità che, se attivate, potrebbero renderti la vita più agevole. Si trovano nella tenacia del tuo dito di Giove (indice), nel travaglio interiore del dito di Saturno (medio) e nella raffinatezza accreditata dal dito di Apollo (anulare) preposto all'arte e al buon gusto. Con un simile bagaglio di potenzialità dovresti uscire all'esterno restando te stessa, senza stravolgere la tua personalità in presenza di uomini che t'intrigano. Non devi cambiare te stessa per sembrare più accattivante ma giocare a carte scoperte. Quando sono in gioco i sentimenti è vietato barare. ★

Dicembre, 2013