Una eccessiva inclinazione alla generosità

Una eccessiva
inclinazione
alla generosità

La lettura della mano di Lia

a cura di Enzo Bordin
Qua La Mano - Lettura gratuita della mano via web! Lia, febbraio 2014.

Cara Lia,

ci troviamo in presenza di una persona estroversa, socievole ed incline a slanci di generosità verso le persone più deboli e bisognose di aiuto. Ma la tua è una mano che nella vita ha sempre offerto più di quanto ricevuto. Ha dato tutto trascurando troppo sé stessa. E qualcuno ha finito per approfittarne, rendendoti schiava di un cliché routinario che non è mai riuscito a far uscire all'esterno le potenzialità che albergano nel tuo cuore e nella tua mente.

Il pollice sinistro, corto ma ben piantato, indica un carattere combattivo e risoluto. Emerge però un'ambivalenza caratteriale che contraddistingue la tua personalità.

Da un lato possiedi estro creativo e sei dotata di un'emotività che ti porta ad agire d'istinto e a perdere talvolta l'autocontrollo. Ma come per contrappasso, in certi momenti rimani fagocitata dagli eventi: in nome del tuo generoso sentire smarrisci le coordinate esistenziali necessarie a ritagliarti momenti di felicità che insegui e che a tratti anche accarezzi, senza però raggiungerli appieno. E come rincorrere le ombre.

Entrando più nello specifico, s'intravvede in te un qualcosa di frenante, soprattutto sul piano sentimentale. L'indice più corto dell'anulare fa capire che non possiedi il senso del comando, non risultando abbastanza cinica da impartire ordini a chicchessia. Hai il cuore troppo tenero per sostenere un simile ruolo.

Eppure l'indice evidenzia una falange unghiata (la prima) piuttosto intuitiva, lasciando intendere che spesso le tue prime impressioni si rivelano esatte. E la terza falange, carnosa, mette in mostra una sessualità trabocchevole, rafforzata da un monte di Venere molto ampio e pronunciato, a conferma di pulsioni troppo a lungo sopite e che cercano disperatamente di emergere. La griglia di linee poste sul monte indicano amarezza e travaglio interiore per un amore perduto.

Dal dito di Saturno (medio) scopriamo che ti piace esplorare i campi sconosciuti della vita e del destino: occulto, chiromanzia, alchimia, cabalistica e spiritismo, tanto per citarne alcuni. Più in generale, si coglie l'inclinazione all'introspezione e alla predilezione per la natura, con venature di tristezza e malinconia, pure se non esternate.

L'anulare (dito di Apollo) appare strutturato in modo tale (molto più lungo dell'indice) da poter dire che hai un temperamento fantasioso e e che possiedi savoir faire anche nei lavori più umili.

L'intraprendenza non ti manca di certo, come si evince dal più bel dito della tua mano: il mignolo, ossia di Mercurio. Qui la tua duplice personalità raggiunge i suoi momenti migliori, nel senso che dietro la tua brillantezza e comunicatività di facciata (battute di spirito comprese) celi un'interiorità sofferta e tormentata che gli altri, abituati a giudicare le persone solo dall'apparenza, non riescono a decifrare, oppure solo in parte.

La linea del Cuore, arcuata, sente il bisogno di spartire l'amore con un uomo sensibile e caloroso: un partner che abbia i tuoi stessi interessi per la vita e vedute compatibili alle tue, così da creare un rapporto a tutto tondo. Però un simile soggetto non appare di agevole reperibilità. La tua linea amorosa (lunga, profonda e rosata) è come se stia cercando di lenire ferite passate e mai completamente rimarginate. Tale instabilità deriva anche dal fatto che il tuo percorso del Cuore nasce tra pollice e medio, con una duplicità anche in questo caso evidente, nel senso che quando sei in un periodo melanconico-esistenziale sogni la presenza di un uomo-poeta, romantico e sentimentale, che ti coccoli, ti accarezzi e ti faccia sognare in grande. Ma quando recuperi l'umore, il partner troppo appiccicoso comincia a starti stretto. Ne preferiresti uno più risoluto e concreto, in grado di garantirti un ancoraggio sicuro.

Un altro aspetto importante dei tuoi segni palmari tocca i segni della Vita e della Testa che nascono uniti e percorrono un bel pezzo di strada assieme prima di dividersi. Morale della favola: potrebbe indicare che ti sei staccata tardi dal nucleo familiare (genitori iperprotettivi?), con ripercussioni soprattutto a livello psicologico d'insicurezza e d'instabilità emotiva. Viste le premesse, dovresti cercare di renderti più autonoma e indipendente dall'ambiente che ti circonda.

Per quanto concerne ancora la linea della Testa, osserviamo che appare un tantino aleatoria, poiché punta decisa verso il monte della Luna. Significa che, pur in presenza di un buon quoziente intellettivo, appare incline a sognare ad occhi aperti perdendo talvolta di vista la concretezza. Dalla visione della mano destra si potrebbero trarre maggiori indicazioni in tal senso, essendo deputata a tradurre in realtà le potenzialità espresse dalla mano sinistra.

La linea dominante del palmo resta comunque quella del Destino che, pur con qualche piccola intermittenza, arriva fino al monte di Saturno, ai piedi del medio. Ne deriva una personalità dotata di forte vitalità ma portata a spremersi troppo per gli altri, sia sul lavoro che in famiglia. Lo stress è dietro l'angolo. Urge fermarsi e riflettere. Urge riprogrammare la propria esistenza. I mezzi per farlo li troverai dentro di te. ★

Febbraio, 2014