In ordine cronologico

Amici del circo tre salti mortali contro la crisi

Il raduno del Cadec a Roma

Serviranno davvero i salti mortali per consentire al circo italiano di superare la crisi che segna il momento più difficile della sua storia proprio mentre si appresta a festeggiare i duecento e cinquanta anni di vita. La denuncia di una situazione molto critica nelle parole del presidente del Club Amici del Circo, Francesco Mocellin, e del presidente dimissionario dell'Ente Nazionale Circhi, Antonio Buccioni, in occasione del raduno annuale dell'associazione presso il circo Rony Roller a Roma. La questione della legge appena varata dal Parlamento.

Il Principe (non è) stanco

L'omaggio a un grande scrittore del '900

La finale del Premio letterario Settembrini a Mestre, vinto da Furio Bordon con la raccolta di racconti "Stanze di famiglia" (Garzanti), è stata dedicata allo scrittore Gian Antonio Cibotto scomparso l'estate scorsa. Lo hanno ricordato Natalino Balasso, Caterina Murino, Debora Caprioglio. Un toccante ricordo dello scrittore e regista Giancarlo Marinelli, suo amico ed allievo. E un percorso letterario tracciato da Roberto Bianchin, che di seguito pubblichiamo. Con l'invito a rileggere le sue opere.

Sogno o son desto oppure son molesto

Il caso del giorno fra polemiche e malintesi

C'è molta confusione nell'aria tra violenze, molestie e avances. Sessuali, s'intende. Esemplare il caso che riguarda il regista cinematografico Fausto Brizzi, accusato di molestie sessuali da un piccolo esercito di aspiranti attricette, o presunte tali, di giovane età e di discreta avvenenza. La maldestra uscita in sua difesa da parte della moglie Claudia Zanella, dimostra ancora una volta quanta distanza vi sia nella percezione delle cose, tra il paese reale e quello dell'immaginario. Una fiera del pettegolezzo di infimo livello.

Forza Italia il Paese nel pallone

Cosa succede dopo l'esclusione dai mondiali

La sorpresa non è che l'Italia resti fuori dai mondiali di calcio. Questo era abbondantemente previsto. La sorpresa è che qualcuno credesse davvero che ai mondiali l'Italia ci potesse andare con quella dirigenza, con quell'allenatore e con quei giocatori. Il problema infatti è più profondo e va al di là delle mediocri figure di Tavecchio e di Ventura. E' un problema sociale e culturale. Quello di troppi calciatori stranieri di costo bassissimo (ma anche di basso livello) che tolgono spazio ai giovani talenti italiani non consentendo loro di crescere. Nel campionato italiano di calcio, più stranieri che italiani. La Nazionale, di conseguenza, soffre moltissimo.

Tempesta sulla Manica

Ora o mai più

Partenza prevista per Londra il 06 luglio, mancano due giorni; fortunatamente adesso c'è uno skipper competente, ed è meglio perché la Manica e questo mare non perdonano ignoranza e pressapochezza: venti poderosi, forti correnti e scogli pericolosi ne fanno un luogo non proprio facile da navigare.

Conciliare l'inconciliabile la scommessa per salvare il tesoro di Venezia

Un manifesto per la città nuova

Lancia un vigoroso appello in difesa di Venezia l'ex Sindaco Mario Rigo, che fu primo cittadino per dieci anni, dal 1975 al 1985, ed è considerato uno dei migliori Sindaci che la città lagunare abbia mai avuto. Esponente di spicco del Partito Socialista Italiano, Senatore della Repubblica, rappresenta ancora oggi una delle voci più limpide e più libere di un panorama politico cittadino piuttosto degradato. Al punto che molti, a dispetto dei suoi ottantotto anni (portati peraltro magnificamente) lo rivorrebbero in pista.

Contrordine pagliacci gli animali restano nei circhi (per ora)

La legge per il riordino dello spettacolo

Si chiude con un mediocre compromesso all'italiana la guerra tra circensi e animalisti. La legge varata dal Parlamento italiano non accoglie la richiesta di eliminazione degli animali dai circhi, ma promette soltanto il "graduale superamento" della loro presenza. Una formuletta ambigua che è una sconfitta culturale per il circo ma che in pratica non cambia nulla. Nessuno può cantare vittoria. E la battaglia continua. Sempre più aspra.