In ordine cronologico

L'America che amiamo odiare

Cicaleccio sulla vittoria di Donald Trump

L'America che tutti amiamo odiare è tornata. Evviva! A parte pochi fortunati che altrove hanno sostenuto il nuovo imbarazzante presidente degli Stati Uniti, più per affinità umana che per intuito o pensiero (il primo blando, il secondo inesistente), tutti gli altri avranno di che gioire. I nemici storici ne escono fortificati; gli alleati per forza avranno di che distinguere; gli odiatori religiosi ideologici e satirici avranno materiale inesauribile; gli stati vassalli potranno spolverare i tappeti rossi e lucidare l'argenteria.

Ma com'è triste Venezia solo cinquant'anni dopo

Epitaffio lagunare nell'anniversario dell'alluvione

Com'è triste Venezia soltanto cinquant'anni dopo. Tanti ne sono passati dalla tragica alluvione che affondò la Serenissima il quattro di novembre del millenovecentosessantasei. Cinquant'anni passati invano. Cinquant'anni di chiacchiere, imbrogli e malaffare. La città è ancora indifesa di fronte al rischio di nuove inondazioni. In compenso sono arrivate altre e più temibili alluvioni, come quella dei trenta milioni di turisti che invadono e devastano la città che fu dei Dogi stravolgendone i connotati.